Applicazioni a secco su soffitti e pareti

Il sistema a secco garantisce senza compromessi la soluzione più libera dal punto di vista dell'installazione, con un sistema da applicare direttamente a soffitto oppure a parete in grado di garantire elevatissimi standard di benessere invernali e superlativi in estate. Questo sistema è composto da pannelli in cartongesso modulari con tubazioni inserite nella sua matrice posate a chiocciola con passo di 4.5 cm e forniti già accoppiati ad una lastra da 3 cm di polistirene espanso l=0.034-0.035W/Mq°K. Su richiesta è possibile dotare il pannello con lo spessore e la tipologia di isolante più consono al progettista anche con idonea barriera o freno al vapore  La tecnologia costruttiva dei moduli viene realizzata in due differenti modalità:
  • Modalità costruttiva con tubazione PexC 8x1 già inserita nella matrice del cartongesso unite con appositi giunti meccanici Pex-Multistrato inseriti nella matrice prima della  fuoriuscita del pannello; questi permettono di collegare i moduli con le tubazioni multistrato in uscita 16x2 con la raccorderia (serie LP gamma Balpex Bampi) alle linee multistrato 20x2.
  • Modalità costruttiva con tubazione Pexc 8x1 già inserita nella matrice del cartongesso, per mezzo di appositi giunti Pex tipo “Push-Fit” idonei per il collegamento delle tubazioni Pex con le linee multistrato 20x2. Le rese termiche sono state calcolate secondo le normative UNI EN 1264-5 / 15377, mentre i dati tecnici sono stati ricavati da simulazioni e prove sperimentali (eseguite direttamente in produzione) all'interno della camera test realizzata secondo le normative UNI EN 14240 / 14037 ed in collaborazione con il Dipartimento di Fisica Tecnica  dell'Università di Padova dFT e certificato da WSPLab. La modalità di posa di entrambi sistemi si attua semplicemente seguendo pedestremente lo schema di posa delle pannellature e dell'orditura delle doghe indicato dal progettista termotecnico. Altresì, si segue lo schema rilasciato dall'ufficio tecnico della Bampi, sul quale sono indicate la posizione dei pannelli, il loro collegamento, l'altezza della doga, l'eventuale isolante integrativo, le connessioni al collettore con gli accessori previsti dal computo metrico. E' consigliato, una volta terminato l'impianto, mettere in pressione e verificare che non ci siano perdite, prima di chiudere le montanti principali con giunzioni con i pannelli passivi, onde evitare di creare danni alle strutture ed alle sottostrutture.